-
  line
  Home page » Strumenti di cottura professionali » Teflon
-
top
Teflon ®, la storia

La data che per il Teflon rappresenta il D-Day, il giorno della creazione, è il 1938. E' in quell'anno, infatti, che viene formulata una sostanza brevettata con il nome Teflon® dalle caratteristiche veramente insolite: così scivolosa da non permettere alle molecole di altri elementi,siano acidi o basici, di combinarsi con essa, con il coefficiente di frizione più basso esistente con una capacita di resistenza a temperature comprese fra i +260 e i -24O gradi.
Fin dall’inizio sono state innumerevoli le applicazioni industriali del Teflon ed anche gli astronauti delle varie missioni spaziali lo hanno usato nelle loro tute. La fama del Teflon si consolida e diviene universale nel 1960, con le prime applicazioni come rivestimento anti aderente per gli strumenti di cottura. Una innovazione talmente importante da rappresentare La più grande rivoluzione in cucina dopo l’invenzione, se così si può dire, della pentola stessa. Una rivoluzione che non riguarda solo i vantaggi tecnici, facilità di pulizia, igiene, velocità, ma il modo stesso di fare cucina, con la re-invenzione dell'arte culinaria nel segno di una cucina sana e dietetica.

 

Dal 1960 ad oggi il famosissimo rivestimento antiaderente DuPont ha trovato applicazione, nelle sue diverse versioni, in oltre due miliardi di pentole.

 

 

Con il mutare dei tempi e degli stili di vita, anche il consumatore si è fatto più evoluto ed esigente, privilegiando nelle sue scelte prodotti e marchi che offrono sicure garanzie di qualità. Questo vale anche per il pentolame con rivestimento antiaderente, settore in cui, da sempre, DuPont fa valere la sua leadership assoluta: basti pensare che dal 1960, anno di riferimento nel campo delle tecnologie antiaderenti applicate agli strumenti di cottura, ad oggi, il Teflon e le sue numerose versioni, via via succedutesi nel tempo, hanno trovato applicazione in oltre due miliardi di pentole.
Questa enorme quantità di prodotti ha testimoniato, giorno dopo giorno, la superiorità nata da un connubio eccezionale: il marchio DuPont unito a quello delle aziende che producono gli strumenti di cottura. Queste ultime, infatti, per diventare licenziatarie del Teflon e dei suoi derivati, devono dare precise garanzie di capacità produttiva e qualitativa all’altezza dei marchi DuPont. La procedura per la concessione della licenza comprende infatti una valutazione degli impianti produttivi e la verifica della loro conformità agli standard europei, oltre ad una serie di controlli sulla qualità e le prestazioni dei prodotti. E’ previsto, in primo luogo, il “Test di conformità ottica”, condotta sui campioni ad occhio nudo e con un microscopio a 10x, che punta ad esaminare la regolarità della superficie, la perdita di colore e l’integrità del film, gli effetti di polvere, fessurazioni e rigonfiamenti. Viene quindi effettuato il “Test sulle prestazioni base”, che comprende il controllo di adesione, rigonfiamenti, resistenza al graffio e termica, spessore del metallo. Infine, il “Test di verifica delle prestazioni in condizioni di utilizzo”, prevede una prova meccanica di resistenza alla graffiatura e varie prove di cottura che simulano le condizioni di impiego in ambiente domestico. Una volta concessa la licenza, DuPont effettua regolari controlli di qualità per verificare il costante rispetto degli standard stabiliti.

I marchi delle superfici antiaderenti della DuPont sono i più famosi al mondo perché oltre a rispondere alle più diverse esigenze di utilizzo degli strumenti di cottura, forniscono la garanzia di prestazioni superiori, in termini di qualità, resistenza e durata. Non solo, ma rispondono pienamente alle nuove esigenze di una cucina più sana e leggera, che orienta il gusto del consumatore verso un’arte culinaria che senza penalizzare i sapori, li rivisita nei condimenti e nei grassi.
Partendo dal Teflon, usato come rivestimento antiaderente nel settore degli strumenti di cottura fin dal 1960, DuPont ha continuato a sviluppare e perfezionare la tecnologia dell’antiaderenza, lanciando nuove applicazioni e metodi per elevare sempre più gli standard qualitativi.

La gamma Teflon oggi si articola in sette diverse versioni, ognuna con caratteristiche specifiche e mirate:
• Teflon Prisma: rivestimento antiaderente appositamente studiato per stampi da forno.
• Teflon Classic: rivestimento antiaderente originale e certificato per un uso regolare, garantisce grandi prestazioni e un ottimo rapporto qualità/prezzo.
• Teflon Select: per le sue caratteristiche di maggiore durata. È il rivestimento destinato ad un uso ultra intensivo. Viene applicato in triplo strato rinforzato, con uno spessore minimo di 35 micron ed offre una antiaderenza eccezionale.
• Teflon Platinum: è il rivestimento DuPont più resistente in assoluto, potendo resistere anche all’azione dei normali utensili metallici e delle pagliette abrasive. Applicato in tre strati, con uno spessore minimo di 40 micron, contiene microscopiche particelle minerali particolarmente dure.
• Teflon Platinum Pro: presenta caratteristiche identiche al rivestimento Teflon Platinum, ma viene impiegato solo in supporti in metallo duro, compreso l’acciaio inox, con uno spessore minimo di 40 micron.
• Teflon Infinity: applicato in quattro strati, aggiunge un tocco di vivacità cromatica alle superfici antiaderenti.
• Autograph: ha caratteristiche di superiore resistenza grazie a uno speciale rinforzo ceramico su base molto resistente.

Una gamma, quella a marchi Teflon, che firma i prodotti più avanzati delle più importanti aziende produttrici di articoli per la cucina.
Prodotti vincenti non soltanto per il consumatore finale, ma anche per chi li deve commercializzare.

bottom